Viaggi

Requiem per una travel blogger mancata

Da quando ho iniziato a parlare di viaggi nel mio piccolo blog, ho avvertito una sorta di disagio. O meglio, rammarico. Solo dopo aver scoperto ed esplorato bellissimi blog e profili Instagram di giovani viaggiatrici, sono riuscita a capire la provenienza del mio malessere.

Ho riscoperto da poco il piacere di avere una valigia in mano, a seguito di uno stop forzato di qualche anno. In passato ho intrapreso viaggi interessanti di cui solo ora avrei uno spazio per documentarli e raccontare per bene. Due tour on the road in Spagna, un altro più breve in Francia, New York e Amsterdam da sola, Parigi, Londra, Malta, Praga, Lisbona e Sintra, Colombia, il mio tour dell’anno scorso in Irlanda…

Purtroppo però all’epoca non mi passò minimamente per la testa l’idea di farne un racconto o una cronaca online, e per quanto sia un’accumulatrice seriale di biglietti, guide e mappe di ogni tipo, potrei a tutt’oggi dare informazioni obsolete e con una documentazione fotografica pietosa. Mi dispiace aver perso queste possibilità: sono sicura che ne avrei scritto un resoconto interessante, alla pari dei preziosi consigli di chi si è già recato in località che mi entusiasmano e di cui leggo con avidità nei travel blog che seguo.

Sono consapevole di come abbia un’intera vita per rimediare, ma stasera voglio celebrare, come da titolo, il mio requiem per una travel blogger mancata. Musica, Maestro!

statue-3892466_640
Pixabay

12 Comments

Rispondi

Scroll Up
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: